Pubblicati da valeria

, ,

Come superare il divario territoriale nei servizi per l’infanzia

Ae n.235, marzo 2021 Come superare il divario territoriale nei servizi per l’infanzia. In Italia scarsità dell’offerta, costi e condizioni d’accesso ne limitano ancora l’impatto redistributivo. Nuove opportunità si aprono con il Next Generation Eu Secondo un recente sondaggio di Eurobarometro, per l’88% degli intervistati in Italia -contro il 64% nell’Ue e il 34% in […]

,

Crisi pandemica e solidarietà europea: SURE da strumento temporaneo a meccanismo permanente?

NOTA n.2 – Marzo 2021 – Di Francesco Corti, Università degli studi di Milano e Centre for European Policy Studies (CEPS) Con lo scoppio della crisi pandemica, gli Stati membri dell’Unione europea hanno messo in campo diversi strumenti per il sostegno all’occupazione, dai tradizionali schemi di cassa integrazione a nuovi meccanismi di sostegno al reddito […]

,

Povertà educativa, mobilità sociale intergenerazionale e servizi per l’infanzia: quando «il luogo conta»

NOTA n.1 – Febbraio 2021 – Di Ilaria Madama, Università degli studi di Milano 1. Introduzione L’espressione “location matters”, ripresa recentemente dal gruppo di ricercatori dell’Osservatorio Opportunity Insights[1], rimanda in modo efficace alla tesi secondo cui le caratteristiche del luogo dove le persone crescono e vivono sono cruciali nel plasmare le opportunità di vita individuali. […]

, ,

Il ristoro del Reddito di cittadinanza e di emergenza nella pandemia

Ae n.233, gennaio 2021 Il ristoro del Reddito di cittadinanza e di emergenza nella pandemia. Le misure hanno contrastato la crescita di povertà e disuguaglianze ma presentano limiti. Sfavoriscono i cittadini extra-Ue e le famiglie numerose La pandemia ha rappresentato un inaspettato stress test per il sistema di welfare italiano. Come noto, nella prima fase […]

, ,

Sure, il sostegno europeo è arrivato. E adesso?

Ae n.232, dicembre 2020 Sure, il sostegno europeo è arrivato. E adesso? Lo strumento di contrasto alla disoccupazione garantito da tutti i Paesi dell’Ue funziona. L’Italia ne sa qualcosa. Occorre renderlo permanente Il 20 ottobre la Commissione europea ha emesso le prime due obbligazioni, una da dieci miliardi di euro con scadenza ottobre 2030 e […]

, ,

“Viva la patrimoniale”, la ripresa parte da lì

Ae n.230, ottobre 2020   “Viva la patrimoniale”, la ripresa parte da lì. Dall’aumento del prelievo fiscale sul 10% più ricco può derivare un gettito di 117 miliardi di euro. I cittadini sono d’accordo. I partiti? La crisi pandemica ha già attivato una drammatica sfida per la tenuta della coesione sociale: come far fronte al […]

, ,

In Italia il consumo responsabile è una pratica consolidata

Ae n.229, settembre 2020 In Italia il consumo responsabile è una pratica consolidata. Dalla spesa in gruppi di acquisto solidale ai viaggi di turismo responsabile. Cresce la popolazione “critica”. Le sfide per rafforzarla Nel 2018 l’Osservatorio per la coesione e l’inclusione sociale (Ocis) ha avviato un’indagine biennale sul consumo responsabile in Italia. La rilevazione più […]

, ,

Nuove forme di redistribuzione di reddito dal basso

Ae n.228, luglio – agosto 2020 Nuove forme di redistribuzione di reddito dal basso. A Pavia un gruppo di cittadini ha deciso di tassarsi per aiutare chi è in difficoltà e superare la lentezza delle istituzioni. L’interesse è di tutti In questi mesi il dibattito intorno al reperimento di risorse da utilizzare per contrastare le […]

,

COVID-19 e la sfida della coesione in Italia: imparare dall’emergenza per politiche più eque e inclusive

SOCIAL COHESION PAPER n.3 – Luglio 2020 – Collettivo dell’Osservatorio   La crisi innescata dalla pandemia ha inciso su una serie di sfere di politica pubblica molto più numerose di quelle implicate dagli altri shock recenti: la crisi economica del 2002-03, la Grande Crisi finanziaria, economica, sociale e poi dell’Euro 2008-12, la crisi terroristica nella […]

,

Storia e politica del salario minimo

SOCIAL COHESION PAPER n.2 – Luglio 2020 – di Manos Matsaganis, Politecnico di Milano Un salario minimo nazionale, stabilito dal governo o dalle parti sociali, esiste attualmente in molti paesi in Europa e altrove. Non in Italia – e ciò ne fa una rara eccezione. Negli ultimi anni, diversi partiti (compresi quelli della coalizione di […]